Coltivare la consapevolezza onirica

Si può pensare allo stato di veglia e a quello di sogno come due diversi “mondi” di cui possiamo fare esperienza. Alcune tradizioni contemplative, come ad esempio la Teosofia, lo affermano addirittura in senso letterale, distinguendo un piano fisico e uno più sottile, talvolta chiamato “astrale”. Nella maggior parte di noi la coscienza si è sviluppata quasi esclusivamente sul primo di questi piani, mentre dell’altro si ha solo qualche sporadico sprazzo di consapevolezza. Infatti, sebbene sogniamo molte volte ogni notte, di solito ci ricordiamo solo di pochi frammenti onirici.

Inoltre normalmente nei nostri sogni non siamo lucidi: non ci rendiamo conto di trovarci in un’altra dimensione, siamo convinti di essere svegli e ci comportiamo come se lo fossimo; non siamo in grado di pensare con chiarezza e la nostra percezione dell’ambiente è piuttosto confusa ed evanescente. Di conseguenza non riusciamo a sfruttare le potenzialità di questa dimensione, alla quale prestiamo ben poca attenzione e la cui natura ci sfugge quasi totalmente.

Eppure anche in quel mondo possiamo raggiungere una condizione di piena consapevolezza e la nostra esperienza di quanto vi è racchiuso può diventare vivida, coerente e lucida, proprio come nello stato di veglia. Per raggiungere questo risultato dobbiamo riuscire a “trasferire” la nostra consapevolezza dalla dimensione della veglia a quella del sogno, un processo che può avvenire principalmente secondo due modalità, l’una nota come “sogno lucido“, l’altra come “viaggio astrale” o “OBE” (Out of Body Experience).

Anche se dal punto di vista scientifico si tratta in entrambi i casi del medesimo stato di coscienza – cioè di uno stato di sonno REM caratterizzato da un’insolita attivazione delle aree cerebrali legate alla consapevolezza -, queste due forme di esperienza presentano differenze significative e possono essere viste come due diverse tappe dello stesso percorso di consapevolezza onirica. Prima di giungervi, però, è necessario sviluppare la capacità di ricordare i sogni, senza la quale è difficile avere successo in queste pratiche.


Scopri di più sulle differenze tra sogno lucido e viaggio astrale

Vai direttamente alla presentazione del corso